Sample image

La "cultura" della qualità

AICQ nasce a Milano nel 1955 come associazione culturale, con l’obiettivo di diffondere la cultura della qualità.

È presente in tutta Italia con otto Federate: Piemontese, Centro Nord, Tosco Ligure, Triveneta, Emilia-Romagna e Marche, Centro Insulare, Meridionale e Sicilia. Il Settore AICQ EDUCATION si costituisce a Milano nel 1998 (allora Settore SCUOLA) con l’obiettivo di diffondere la cultura e le metodologie della qualità (organizzativa, metodologica e didattica) negli istituti scolastici.

Nel 2014 ha raccolto alcune tra le migliori esperienze nazionali per metterle a disposizione delle scuole costituendo il Gruppo di Lavoro Sistema Nazionale di Valutazione.

Sample image 2

D.P.R. 28 MARZO 2013, N. 80

Il D.P.R. 28 marzo 2013, n. 80 - Regolamento sul sistema nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione – stabilisce che la valutazione ha la finalità di promuovere il miglioramento della qualità dell'offerta formativa e degli apprendimenti. A tal fine è previsto che ogni istituzione scolastica:

a) effettui un’autovalutazione (tenendo conto dei dati resi disponibili dal sistema informativo del MIUR, delle rilevazioni sugli apprendimenti e delle elaborazioni sul valore aggiunto restituite dall'INVALSI, di ulteriori elementi significativi che caratterizzano la scuola stessa);
b) riceva una valutazione esterna (sulla base di indicatori di efficacia ed efficienza definiti dall'INVALSI);

c) attui azioni di miglioramento;

d) proceda alla rendicontazione sociale (pubblicazione e diffusione dei risultati raggiunti attraverso indicatori e dati comparabili, in una logica di trasparenza, condivisione e promozione del miglioramento del servizio con la comunità di appartenenza).

Sample image

Direttiva 18 settembre 2014 n. 11

Con la Direttiva del 18 settembre 2014 n. 11 il MIUR emana le Priorità strategiche del Sistema Nazionale di Valutazione per gli anni scolastici 2014/15, 2015/16 e 2016/17:

a) le priorità strategiche della valutazione del Sistema educativo di istruzione e formazione, che costituiscono il riferimento per le funzioni di coordinamento svolte dall'INVALSI;

b) i criteri generali per assicurare l'autonomia del contingente ispettivo;

c) i criteri generali per la valorizzazionbione delle scuole del sistema scolastico nazionale, statali e paritarie, nel processo di autovalutazione

 

Sample imageIl DPR 28 marzo 2013, n. 80 - Regolamento sul sistema nazionale di valutazione in materia di istruzione e formazione e la Direttiva n. 11 del 18 settembre 2014 stabiliscono che la valutazione ha la finalità di promuovere il miglioramento della qualità dell'offerta formativa e degli apprendimenti.

A tal fine è previsto che ogni istituzione scolastica:

  1. effettui un’autovalutazione (tenendo conto dei dati resi disponibili dal sistema informativo del MIUR, delle rilevazioni sugli apprendimenti e delle elaborazioni sul valore aggiunto restituite dall'INVALSI, di ulteriori elementi significativi che caratterizzano la scuola stessa);
  2. riceva una valutazione esterna (sulla base di indicatori di efficacia ed efficienza definiti dall'INVALSI);
  3. attui azioni di miglioramento;
  4. proceda alla rendicontazione sociale (pubblicazione e diffusione dei risultati raggiunti, attraverso indicatori e dati comparabili, in una logica di trasparenza, condivisione e promozione del miglioramento del servizio con la comunità di appartenenza).

 

NEWS

 

CONVEGNO NAZIONALE AICQ SETTORE EDUCATION

VALUTARE PER MIGLIORARE

 

Milano, 14.11.2016 - Università IULM

I convegni del Settore AICQ Education affiancano le scuole nei problemi e negli adempimenti congiunturali con la metodologia e gli strumenti TQM.

 

Il 2016 e il 2017 per le scuole italiane rappresentano il momento delle azioni di miglioramento dopo il RAV e l’autovalutazione nell’ambito di un ciclo triennale permanente.

 

Le scuole italiane sono chiamate ad attuare processi che AICQ EDUCATION ha nel proprio DNA da alcuni lustri ed è pertanto molto contenta di offrire le sue opportunità sotto forma di manuali per autovalutazione e miglioramento, articoli nella rivista AICQ, check list e griglie.

 

Il Convegno su questa linea mette a fuoco il miglioramento sostenibile nel quadro di una innovazione possibile.

Nella vita del signor Palomar c’è stata un’epoca in cui la sua regola era questa: primo, costruire nella sua mente un modello, il più perfetto, logico, geometrico possibile; secondo, verificare, se il modello s’adatta ai casi pratici osservabili nell’esperienza; terzo, apportare le correzioni necessarie perché modello e realtà coincidano.”

Italo Calvino, PALOMAR - Einaudi, 1983